Eventi

Agenzia stampa ADN KRONOS – 5 Maggio 2012

Post in Area stampa

Agenzia stampa ADN KRONOS – 5 Maggio 2012

SALUTE: CRESCE IN ITALIA OSSIGENO- OZONOTERAPIA, CURA NATURALE AMATA DA VIP 2.500 MEDICI SPECIALISTI PER UN TOTALE DI 20 MILA TRATTAMENTI AL GIORNO

Milano, 5 mag. (Adnkronos Salute) – “Una terapia anti- age e unacura naturale, sicura e trasversalmente efficace, che in molti casifunziona da alternativa ai farmaci”. Per esempio contro l’ernia del disco, con “percentuali di successo dell’80- 85%, senza operarsi”. Dario Apuzzo, fisiatra e medico sociale della Lazio Primavera, descrive cosi’ l’ossigeno-ozonoterapia. Una disciplina che in Italiafa sempre piu’ ‘adepti’, con 2.500 medici specializzati per un totaledi circa 20 mila trattamenti al giorno, e piace anche ai vip.

Fra itanti l’attore Massimo Boldi e la conduttrice Emanuela Falcetti, che oggi a Roma hanno partecipato al congresso nazionale ‘L’ossigeno-ozonoterapia nella medicina riabilitativa.
Dal dolore al superamento delle disabilita”, promosso dal gruppo di centri ambulatoriali Salute OK epatrocinato da Roma Capitale, universita’ Sapienza, Ordine dei medicidi Roma, Sioot (Societa’ scientifica di ossigeno-ozono terapia), Amsie Ipasvi Roma. Protagonista dell’appuntamento una disciplina in cui l’Italia e’all’avanguardia. “Nel nostro Paese siamo tra i piu’ quotati a livellomondiale – spiega all’Adnkronos Salute Apuzzo, chairman del convegno edocente di ossigeno-ozonoterapia all’universita’ di Pavia – Inparticolare, siamo tra i precursori nell’ossigeno-ozonoterapia control’ernia del disco e le patologie dell’apparato locomotore”. Ma secondogli esperti, si tratta di una terapia ‘jolly’ applicabile a svariatebranche della medicina: “Agisce infatti come antinfiammatorio,antidolorifico e immunomodulante”, quindi e’ un valido alleato “inmalattie complesse, frequenti e a volte invalidanti come anchel’artrosi, la sclerosi multipla, le ulcere diabetiche e le patologiecardiovascolari”. Il ‘principio attivo’ e’ un mix di ossigeno e ozono (O2-O3) inpercentuali bassissime, puntualizza Apuzzo. La somministrazioneavviene attraverso insufflazioni o per via iniettiva, anche comeautoemoterapia (cioe’ il prelievo di una piccola quantita’ di sangue,che viene ossigenata e reiniettata). “Ne risulta un generale effettoanti-invecchiamento”, perche’ la terapia sopperisce al minor apportodi ossigeno ai tessuti da parte delle arterie indurite dagli anni. Sono quindi possibili anche impieghi estetici, “dal trattamento dellacellulite a quello dell’insufficienza venosa”. Ma la terapia “vieneusata anche contro le depressioni lievi (il tono dell’umore miglioraperche’ anche il cervello viene ossigenato)”, e in generale neguadagnano tutte le performance dell’organismo, al quale viene fornita’benzina’. (Adnkronos Salute) – “L’ossigeno-ozonoterapia – dice Apuzzo -spesso permette di risolvere problemi che non si risolvono con ifarmaci”. E questo a ogni eta’. “Ho in cura, ad esempio, un bambino di 8 anni che soffre di una cefalea vasomotoria grave, con alle spalle 2 anni di attacchi quotidiani. Ora siamo a 6 insufflazioni rettali di ossigeno-ozono – riferisce il medico – e la mamma mi ha detto che gia’ dalla prima seduta il figlio ha avuto solo 2 crisi di mal di testa in 3 settimane”. Apuzzo assicura: “Non si tratta di una moda passeggera. L’ossigeno-ozonoterapia funziona, cosi’ il passaparola moltiplica isuoi fautori”. Si tratta di “una metodica del tutto naturale -ribadisce lo specialista – che puo’ passare anche dall’assunzione di acqua iperozonoizzara”. Per questo in molti casi i pazienti sonopersone che diffidano della ‘chimica’, che “vogliono trattarsi solocon metodi naturali”.
Controindicazioni? “Non ce ne sono – rispondeApuzzo – a parte il caso degli atleti professionisti, per i qualiquesta terapia e’ naturalmente considerata una forma di doping.
Non cisono nemmeno effetti collaterali, a patto ovviamente di evitare lamalpractice”.
Lo specialista mette infatti in guardia dai falsi esperti. Proprio per tutelare i pazienti, “nel 2006 si e’ svolta una Consensusconference all’Istituto superiore di sanita’, ed e’ stato stabilitoche chi pratica l’ossigeno-ozonoterapia deve fare dei corsi specificipresso la Sioot, e usare solo macchinari certificati. La nostraSocieta’ scientifica, nata a Bergamo nel 1982, tiene un Albo che contaoggi circa 2.500 medici specialisti in varie discipline: fisiatri,ortopedici, infettivologi, endocrinologie e altro ancora, proprio perla trasversalita’ della terapia”.
Il costo di ogni seduta va “dai40-80 euro fino agli 80-150″, calcola Apuzzo. “Al momento solo inLombardia il trattamento e’ rimborsato dal servizio sanitario (non gliusi estetici), ma il nostro messaggio alle Istituzioni – conclude – e’che seguire questa via converrebbe a tutti: ai pazienti che ce lochiedono, e alle autorita’ competenti che risparmierebbero il costo dimolti farmaci coperti dal Ssn”.
(Opa/Opr/Adnkronos)05-MAG-12 16:43
Link all’articolo

IL MESSAGGERO – 8 MAGGIO – Luminari a confronto che spettacolo, c’è Boldi

Ricco Buffet dai sapori primaverili nella splendida cornice dei giardini adiacenti l’università La Sapienza. Proprio nel contesto dell’ateneo più grande d’Europa si è brindato al Congresso Nazionale <Salute ok> che ha radunato, presso il vicino Circolo Ufficiali dell’Aeronautica Militare, nomi di prestigio della fisiatria italiana e internazionale per discutere delle nuove avanguardie in fatto di ossigeno-ozono terapia. Accolti dal Prof. Dario Apuzzo, chairman dell’evento, sono arrivati ospiti d’onore del monedo del cinema e della tv, come il simpatico Massimo Boldi, Amedeo Goria, Silvana Brizzi, Emanuela Falcetti. Presente anche il presidente Antidoping Pino Capua. Fra i luminari radunatisi per l’occasione, Valter Santilli, Foad Aodi, Marianno Franzini, Vincenzo Simonetti, Luigi Valdenassi, Antonio Carlo Galoforo e Gianfranco Gualdi. Grande interesse per il video inviato dall’attrice Barbara De Rossi, dove lei stessa spiega i benefici dell’ossigeno-ozono terapia praticata con Apuzzo.

TG COM – 8 MAGGIO “Ossigeno: per salute e per bellezza”

08:30 – E’ utilizzata nella terapia riabilitativa, e in questo campo l’Italia fa contare un numero crescente di adepti, ma ha anche importanti impieghi in estetica: è l’ossigenoozonoterapia, che nel nostro Paese conta 2.500 medici specializzati per un totale di circa 20 mila trattamenti al giorno. Gli esperti la considerano una terapia efficace e trasversale, una cura naturale che in molti casi funziona da alternativa ai farmaci. Sono numerosi anche i Vip che la apprezzano, fra i quali, ad esempio, l’attore Massimo Boldi e la conduttrice Emanuela Falcetti. “Nel nostro Paese siamo tra i più quotati a livello mondiale – spiega Dario Apuzzo, docente di ossigeno-ozonoterapia all’università di Pavia, fisiatra e medico sociale della Lazio Primavera – In particolare, siamo tra i precursori nell’ossigeno-ozonoterapia contro l’ernia del disco e le patologie dell’apparato locomotore”. Ad esempio contro l’ernia del disco, le percentuali di successo sono dell’80-85%, senza operarsi. Ma secondo gli esperti, si tratta di una terapia “jolly” applicabile a svariate branche della medicina: agisce infatti come antinfiammatorio, antidolorifico e immunomodulante, ed è dunque un valido alleato in malattie complesse, frequenti e a volte invalidanti, come l’artrosi, la sclerosi multipla, le ulcere diabetiche e le patologie cardiovascolari. Apuzzo spiega che il principio attivo su cui si basa la terapia è un mix di ossigeno e ozono (O2-O3) in percentuali bassissime. La somministrazione avviene attraverso insufflazioni o per via iniettiva, anche come autoemoterapia: in pratica al paziente si preleva una piccola quantità di sangue, che viene ossigenata e reiniettata. “Ne risulta un generale effetto anti-invecchiamento”, spiega lo specialista perché la terapia sopperisce al minor apporto di ossigeno ai tessuti da parte delle arterie indurite dagli anni”. In campo estetico la terapia trova applicazione in trattamenti diversi, dalla cura della cellulite a quello dell’insufficienza venosa. La terapia “viene usata anche contro le depressioni lievi: il tono dell’umore migliora perché anche il cervello viene ossigenato)”, e in generale ne guadagnano tutte le performance dell’organismo, al quale viene fornita una sferzata di “benzina”.”L’ossigeno-ozonoterapia – dice Apuzzo – spesso permette di risolvere problemi che non si risolvono con i farmaci”. E questo a ogni età. Apuzzo assicura: “Non si tratta di una moda passeggera. L’ossigeno-ozonoterapia funziona, così il passaparola moltiplica i suoi fautori”. Si tratta, ribadisce lo specialista, di “una metodica del tutto naturale che può passare anche dall’assunzione di acqua iperozonoizzata”. Controindicazioni? “Non ce ne sono – risponde Apuzzo – a parte il caso degli atleti professionisti, per i quali questa terapia è naturalmente considerata una forma di doping. Non ci sono nemmeno effetti collaterali, a patto ovviamente di evitare la malpractice”.
Link all’articolo

Agenzia stampa ASCA – 7 Maggio 2012
Salute: Ossigeno-Ozono terapia per combattere il dolore

07 Maggio 2012 – 12:58
(ASCA) – Roma, 7 mag – Mal di schiena, dolori cervicali, ernia del disco.
Laddove non si ottengono risultati soddisfacenti interviene L’Ozonoterapia, che sempre piu’ si fa stradanella cura di patologie dolorose.
Conosciuta e praticata da decenni, ma con una attenzione rinnovata negli ultimi anni, la terapia ha come elemento principale l’ozono, capace diindurre nell’organismo una importante azione antinfiammatoria ed antidolorifica, con una rapida scomparsa del dolore articolare e dell’edema.
Se ne e’ discusso a Roma nell’ambito del Congresso Nazionale “L’Ossigeno-Ozono Terapia nella Medicina Riabilitativa – Dalla cura del dolore al superamento delle disabilita”‘,organizzato con il patrocinio di SIOOT, Roma Capitale, Universita’ La Sapienza.
“Al centro dei nostri lavori la Ricerca e l’Innovazione – ha spiegato Dario Apuzzo, medico Fisiatra e docente in Ozonoterapia presso l’Universita’ di Pavia – da anni il Centro StudiRicerca e Sviluppo Salute Ok, organizzatore dell’evento, mira a convogliare il mirabile lavoro d’equipe in un ‘know how’ utile per il Paziente, avvalendosi delle grandi possibilita’terapeutiche di una metodica tutta naturale, l’Ossigeno-Ozono Terapia.
La valenza sociale oltre che curativa dei trattamenti a base di Ossigeno-Ozono in malattie complesse,frequenti e, a volte, invalidanti quali l’ernia del disco, l’artrosi, la sclerosi multipla, le ulcere diabetiche e le patologie cardiovascolari, inserisce a pieno titolo questa Terapiaall’interno di un quadro di piu’ ampio respiro e d’arricchimento per l’intera societa”‘.
Per ottenere un buon risultato in questo tipo di terapia e’ fondamentale la corretta scelta della metodica di somministrazione – sottolinea Apuzzo nel sito SaluteOk.
it -. Le tecniche piu’ comuni sono: intramuscolare , sottocutanea, intrarticolare, endovenosa,-insufflazione rettale e/o vaginale.
La potente azione antiinfiamatoria e antidolorifica dell’Ossigeno-Ozono viene sfruttata anche nel trattamento delle patologie ortopediche piu’ frequenti, come la cervicalgia, letendiniti, la lombalgia, le patologie sportive, le periartriti, l’artrosi .
L’azione antinfiammatoria e’ dovuta al fatto che l’O2-O3 (Ossigeno-Ozono), favorisce l’eliminazione delle sostanzemediatrici del dolore e dell’infiammazione, come l’istamina, la serotonina, le prostaglandine, sempre in modo del tutto naturale”.
“In medicina estetica, invece, dove la miscela di O2-O3 e’ costituita per la gran parte di ossigeno, (e introdotta con delle piccole iniezioni sottocutanee), viene utilizzata la capacita’di questo gas di migliorare la circolazione del sangue, (alleviando in tal modo, ad esempio, la sensazione delle ‘gambe pesanti’ ), ma anche quella di attaccare gli acidi grassi,grazie alla sua azione ossidante, frantumandoli e rendendoli cosi’ facilmente eliminabili dall’organismo, (trattamento della cellulite).
Anche in questo caso – assicura – il vantaggiodell’Ossigeno-Ozono Terapia , rispetto alle altre numerosissime tecniche, e’ quello di una cura assolutamente naturale, priva di effetti collaterali, e che soprattutto agisce a montedel problema”.
Link all’articolo

FIUMICINO ONLINE – 6 Maggio 2012
DALLA CURA DEL DOLORE AL SUPERAMENTO DELLE DISABILITÀ
Salute Ok presenta l’Ossigeno-Ozono Terapia nella medicina riabilitativa

Sabato 5 maggio, presso la Casa dell’Aviatore, si è tenuto il Congresso Nazionale Salute Ok, patrocinato da Roma Capitale, Università La Sapienza di Roma, Ordine dei Medici diRoma, SIOOT, AMSI, IPASVI di Roma.
Il Convegno si è articolato in due sessioni, intervallate da un lunch, che hanno trattato di patologie in campo ortopedico, neurologico e vascolare.
Ospiti speciali intervenuti durante l’evento: Massimo Boldi, Silvana Brizzi (RAI), Amedeo Goria (TG1), Emanuela Falcetti, Prof. Pino Capua, Presidente Antidoping.
Momentoimportante del giorno, l’RVM di Barbara De Rossi che ha voluto partecipare all’evento inviando un video con una sua testimonianza sull’Ossigeno-Ozono terapia effettuata dal Prof.
Dario Apuzzo.
Direttore dell’evento il Prof. Dario Apuzzo, medico Fisiatra e docente in Ozonoterapia, presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Pavia.
Il Prof. Apuzzo, Presidente di Salute Ok, a proposito di questa Conferenza, da lui fortemente voluta, ha dichiarato: “Al centro dei nostri lavori vi sono la ricerca e l’innovazione.
Daanni il Centro Studi Ricerca e Sviluppo Salute Ok mira a convogliare il mirabile lavoro d’equipe in un ‘know how’ utile per il Paziente, avvalendosi delle grandi possibilitàterapeutiche di una metodica tutta naturale, l’Ossigeno-Ozono Terapia.
La valenza sociale oltre che curativa dei trattamenti a base di Ossigeno-Ozono in malattie complesse,frequenti e a volte, invalidanti quali l’ernia del disco, l’artrosi, la sclerosi multipla, le ulcere diabetiche e le patologie cardiovascolari, inserisce a pieno titolo questa Terapia all’internodi un quadro di più ampio respiro e d’arricchimento per l’intera società”.
I lavori hanno preso l’avvio con la Lezione Magistrale del Prof. Valter Santilli, ordinario di Fisiatria all’Università La Sapienza di Roma che, ha spiegato con particolare dovizia lastoria dell’Ozono Terapia fin da i suoi primi albori, quando, alcuni medici tedeschi notarono che le ferite dei soldati ricoverati in un ospedale da campo, posto vicino a una centraleelettrica guarivano prima, ciò era dovuto a una grande quantità di ozono nell’aria.
Arrivando alle infiltrazioni paravertebrali di ossigeno ozono che sono un metodo efficace neltrattamento delle ernie discali.
Molte lombalgie o lombosciatalgie/lombocruralgie si dimostrano resistenti a molteplici approcci terapeutici, la possibilità di intervenire con leinfiltrazioni di ossigeno ozono è una alternativa valida e molto spesso definitiva nel risolvere la sintomatologia dolorosa, affermando più volte l’utilità di questa terapia anche su altrearee.
Il Professor Santilli ha recentemente pubblicato un importante articolo in merito all’efficacia di questo trattamento.
Il Prof. Foad Aodi Presidente Nazionale dell’AMSI – Membro del comitato scientifico dipartimento salute della lega Araba in Egitto, ha dato in anteprima la notizia della nascita diun MovimentoApartitico Internazionale, “Unire per Unire” che, sta crescendo giorno dopo giorno con adesioni di numerosi amici, medici, operatori sanitari, membri del comitato scientifico Amsi,associazioni mediche, società scientifiche, comunità straniere, intellettuali, giornalisti e professionisti italiani e di origine straniera con l’obiettivo di promuovere insieme politiche perandare “Oltre l’integrazione, per una vera cooperazione internazionale e la difesa dei diritti civili ed umani ed una sanità migliore a servizio di tutti i cittadini basata sullameritocrazia”.
Nel corso della giornata di lavori, sono stati presentati contributi scientifici dei migliori specialisti in ambito fisiatrico e più in particolare, Ossigeno-Ozonoterapia.
Il Congresso ha voluto rappresentare il motivo di conferma dei riconoscimenti e della stima in campo internazionale di cui gode il nostro Paese considerato in ambito scientifico, siaper la Medicina Riabilitativa che per l’Ossigeno-Ozono Terapia, tra i primi al mondo.
L’evento era inteso ad informare sulle grandi possibilità terapeutiche dell’Ossigeno-Ozono Terapia, metodica che, pur avvalendosi di principi completamente naturali, consente ditrattare con ottimi risultati patologie in campo ortopedico, riabilitativo, vascolare, estetico, neurologico e infettivo.
L’Ossigeno-Ozono Terapia spesso evita al paziente di sottoporsiad interventi chirurgici o a prolungate terapie farmacologiche.
(Nella foto pubblicata da sx: Pino Capua, Massimo Boldi, Dario Apuzzo con la moglie Alessia)
Paola Gentili
Link all’articolo

NUOVO MEDICO D’ITALIA – 5 Maggio 2012
SALUTE: CRESCE IN ITALIA OSSIGENO-OZONOTERAPIA, CURA NATURALE AMATA DA VIP

2.500 MEDICI SPECIALISTI PER UN TOTALE DI 20 MILA TRATTAMENTI AL GIORNO
“Una terapia anti-age e una cura naturale, sicura e trasversalmente efficace, che in molti casi funziona da alternativa ai farmaci”. Per esempio contro l’ernia del disco, con “percentuali di successo dell’80-85%, senza operarsi”. Dario Apuzzo, fisiatra e medico sociale della Lazio Primavera, descrive cosi’ l’ossigenoozonoterapia. Una disciplina che in Italia fa sempre piu’ ‘adepti’, con 2.500 medici specializzati per un totale di circa 20 mila trattamenti al giorno, e piace anche ai vip. Fra i tanti l’attore Massimo Boldi e la conduttrice Emanuela Falcetti, che oggi a Roma hanno partecipato al congresso nazionale ‘L’ossigeno-ozono terapia nella medicina riabilitativa. Dal dolore al superamento delle disabilita”, promosso dal gruppo di centri ambulatoriali Salute OK e patrocinato da Roma Capitale, universita’ Sapienza, Ordine dei medici di Roma, Sioot (Societa’ scientifica di ossigeno-ozono terapia), Amsi e Ipasvi Roma. Protagonista dell’appuntamento una disciplina in cui l’Italia e’ all’avanguardia. “Nel nostro Paese siamo tra i piu’ quotati a livello mondiale – spiega all’Adnkronos Salute Apuzzo, chairman del convegno e docente di ossigeno-ozonoterapia all’universita’ di Pavia – In particolare, siamo tra i precursori nell’ossigenoozonoterapia contro l’ernia del disco e le patologie dell’apparato locomotore”. Ma secondo gli esperti, si tratta di una terapia ‘jolly’ applicabile a svariate branche della medicina: “Agisce infatti come antinfiammatorio, antidolorifico e immunomodulante”, quindi e’ un valido alleato “in malattie complesse, frequenti e a volte invalidanti come anche l’artrosi, la sclerosi multipla, le ulcere diabetiche e le patologie cardiovascolari”. Il ‘principio attivo’ e’ un mix di ossigeno e ozono (O2-O3) in percentuali bassissime, puntualizza Apuzzo. La somministrazione avviene attraverso insufflazioni o per via iniettiva, anche come autoemoterapia (cioe’ il prelievo di una piccola quantita’ di sangue, che viene ossigenata e reiniettata). “Ne risulta un generale effetto anti-invecchiamento”, perche’ la terapia sopperisce al minor apporto di ossigeno ai tessuti da parte delle arterie indurite dagli anni. Sono quindi possibili anche impieghi estetici, “dal trattamento della cellulite a quello dell’insufficienza venosa”. Ma la terapia “viene usata anche contro le depressioni lievi (il tono dell’umore migliora perche’ anche il cervello viene ossigenato)”, e in generale ne guadagnano tutte le performance dell’organismo, al quale viene fornita ‘benzina’.
ESPERTO, RIMBORSATA SOLO IN LOMBARDIA MA ESTENDERE COPERTURA CONVERREBBE A SSN
“L’ossigeno-ozonoterapia – dice Apuzzo – spesso permette di risolvere problemi che non si risolvono con i farmaci”. E questo a ogni eta’. “Ho in cura, ad esempio, un bambino di 8 anni che soffre di una cefalea vasomotoria grave, con alle spalle 2 anni di attacchi quotidiani. Ora siamo a 6 insufflazioni rettali di ossigenoozono – riferisce il medico – e la mamma mi ha detto che gia’ dalla prima seduta il figlio ha avuto solo 2 crisi di mal di testa in 3 settimane”. Apuzzo assicura: “Non si tratta di una moda passeggera. L’ossigeno-ozonoterapia funziona, cosi’ il passaparola moltiplica i suoi fautori”. Si tratta di “una metodica del tutto naturale – ribadisce lo specialista – che puo’ passare anche dall’assunzione di acqua iperozonoizzara”. Per questo in molti casi i pazienti sono persone che diffidano della ‘chimica’, che “vogliono trattarsi solo con metodi naturali”. Controindicazioni? “Non ce ne sono – risponde Apuzzo – a parte il caso degli atleti professionisti, per i quali questa terapia e’ naturalmente considerata una forma di doping. Non ci sono nemmeno effetti collaterali, a patto ovviamente di evitare la malpractice”. Lo specialista mette infatti in guardia dai falsi esperti. Proprio per tutelare i pazienti, “nel 2006 si e’ svolta una Consensus conference all’Istituto superiore di sanita’, ed e’ stato stabilito che chi pratica l’ossigeno-ozonoterapia deve fare dei corsi specifici presso la Sioot, e usare solo macchinari certificati. La nostra Societa’ scientifica, nata a Bergamo nel 1982, tiene un Albo che conta oggi circa 2.500 medici specialisti in varie discipline: fisiatri, ortopedici, infettivologi, endocrinologie e altro ancora, proprio per la trasversalita’ della terapia”. Il costo di ogni seduta va “dai 40-80 euro fino agli 80-150″, calcola Apuzzo. “Al momento solo in Lombardia il trattamento e’ rimborsato dal servizio sanitario (non gli usi estetici), ma il nostro messaggio alle Istituzioni – conclude – e’ che seguire questa via converrebbe a tutti: ai pazienti che ce lo chiedono, e alle autorita’ competenti che risparmierebbero il costo di molti farmaci coperti dal Ssn”.
Link all’articolo

LIBERO 7 maggio

Diffusione ASCA link: Link all’articolo

THE MEDICAL INFORMER – 7 maggio

Mal di schiena e artrosi, l’Ossigeno-ozono terapia cura e combatte il dolore Mal di schiena, dolori cervicali, ernia del disco. Laddove non si ottengono risultati soddisfacenti interviene l’Ozonoterapia, che sempre più si fa strada nella cura di patologie dolorose. Conosciuta e praticata da decenni, ma con una attenzione rinnovata negli ultimi anni, la terapia ha come elemento principale l’ozono, capace di indurre nell’organismo una importante azione antinfiammatoria e antidolorifica, con una rapida scomparsa del dolore articolare e dell’edema.
Il convegno a Roma
Se ne è discusso a Roma nell’ambito del Congresso Nazionale “L’Ossigeno-Ozono Terapia nella Medicina Riabilitativa – Dalla cura del dolore al superamento delle disabilita”, organizzato con il patrocinio di SIOOT, Roma Capitale, Università La Sapienza.
«Al centro dei nostri lavori la Ricerca e l’Innovazione – ha spiegato Dario Apuzzo, medico Fisiatra e docente in Ozonoterapia presso l’Università di Pavia – da anni il Centro Studi Ricerca e Sviluppo Salute Ok, organizzatore dell’evento, mira a convogliare il mirabile lavoro d’equipe in un ‘know how’ utile per il paziente, avvalendosi delle grandi possibilità terapeutiche di una metodica tutta naturale, l’Ossigeno-Ozono Terapia. La valenza sociale oltre che curativa dei trattamenti a base di Ossigeno-Ozono in malattie complesse, frequenti e, a volte, invalidanti quali l’ernia del disco, l’artrosi, la sclerosi multipla, le ulcere diabetiche e le patologie cardiovascolari, inserisce a pieno titolo questa Terapia all’interno di un quadro di più ampio respiro e d’arricchimento per l’intera società».
Come viene somministrato il gas
Le tecniche più comuni sono: intramuscolare , sottocutanea, intraarticolare , endovenosa ,-insufflazione rettale e/o vaginale. «La potente azione anti-infiamatoria e antidolorifica dell’Ossigeno-Ozono – ha spiegato – viene sfruttata anche nel trattamento delle patologie ortopediche più frequenti, come la cervicalgia, le tendiniti, la lombalgia, le patologie sportive, le periartriti, l’artrosi . L’azione antinfiammatoria è dovuta al fatto che l’O2-O3 (Ossigeno-Ozono), favorisce l’eliminazione delle sostanze mediatrici del dolore e dell’infiammazione, come l’istamina, la serotonina, le prostaglandine, sempre in modo del tutto naturale».
Efficace anche per l’estetica
«In medicina estetica, invece, dove la miscela di O2-O3 è costituita per la gran parte di ossigeno, (e introdotta con delle piccole iniezioni sottocutanee), viene utilizzata la capacità di questo gas di migliorare la circolazione del sangue, (alleviando in tal modo, ad esempio, la sensazione delle ‘gambe pesanti’ ), ma anche quella di attaccare gli acidi grassi, grazie alla sua azione ossidante, frantumandoli e rendendoli così facilmente eliminabili dall’organismo, (trattamento della cellulite). Anche in questo caso – ha concluso – il vantaggio dell’Ossigeno-Ozono Terapia , rispetto alle altre numerosissime tecniche, è quello di una cura assolutamente naturale, priva di effetti collaterali, e che soprattutto agisce a monte del problema».
Link all’articolo

L’INDIPENDENTE (quotidiano web Roma e Latina) – 7 maggio Comunicato

Dalla cura del dolore al superamento delle disabilità: congresso nazionale il 5 maggio
ROMA, 20 APRILE 2012 – Sabato 5 maggio ore 10 presso la Casa Dell’Aviatore – Circolo Ufficiali dell’Aeronautica Militare (Policlinico Umberto I), Via delle Scienze, 2 Roma avrà luogo il Congresso Nazionale SALUTE OK, patrocinato da Roma Capitale, Università La Sapienza di Roma, SIOOT, AMSI, IPASVI. L’evento è accreditato ECM per medici, fisioterapisti, infermieri e tecnici ortopedici. L’ingresso al Congresso è gratuito. I lavori prenderanno avvio con la Lezione Magistrale del Prof. Valter Santilli, ordinario di Fisiatria all’Università La Sapienza di Roma.

Il Congresso si articolerà in due sessioni, intervallate da un lunch, che tratteranno di patologie in campo ortopedico, neurologico e vascolare. Il Presidente di SALUTE OK, Prof. Dario Apuzzo, medico Fisiatra e docente in Ozonoterapia presso l’Università di Pavia, a proposito del Congresso da lui fortemente voluto: “Al centro dei nostri lavori vi saranno la Ricerca e l’Innovazione. Da anni il Centro Studi Ricerca e Sviluppo SALUTE OK mira a convogliare il mirabile lavoro d’èquipe in un ‘know how’ utile per il Paziente, avvalendosi delle grandi possibilità terapeutiche di una metodica tutta naturale, l’Ossigeno-Ozono Terapia. La valenza sociale oltre che curativa dei trattamenti a base di Ossigeno-Ozono in malattie complesse, frequenti e, a volte, invalidanti quali l’ernia del disco, l’artrosi, la sclerosi multipla, le ulcere diabetiche e le patologie cardiovascolari, inserisce a pieno titolo questa Terapia all’interno di un quadro di più ampio respiro e d’arricchimento per l’intera società”.

Nel corso della giornata di lavori verranno presentati contributi scientifici dei migliori specialisti in ambito fisiatrico e, più in particolare, Ossigeno-Ozonoterapico. Il Congresso vuol rappresentare il motivo di conferma dei riconoscimenti e della stima in campo internazionale di cui gode il nostro Paese considerato in ambito scientifico, sia per la Medicina Riabilitativa, che per l’Ossigeno-Ozono Terapia, tra i primi al mondo.

Link all’articolo

Letto 1454 volte